Informazione sull'utilizzo dei cookie per questo sito

L´utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l´esperienza di navigazione sul nostro sito. Se premi il bottone "accetta i cookie" e continui senza cambiare le tue impostazione, accetterai di ricevere i cookies dal sito. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi le nostre Informazioni sui Cookies.

 Incontro con Gian Micalessin

 Sommacampagna 15 marzo 2016

 

 Martedì 15 marzo l’Associazione Culturale “La Pieve”  in collaborazione con la Parrocchia e con il patrocinio del Comune ha organizzato un incontro al cinema parrocchiale Virtus di Sommacampagna  con Gian Micalessin , giornalista e documentarista di guerra ,  che di persona ha seguito  molti recenti conflitti dalla ex Jugoslavia , all’Afganistan, all’Iraq , alla Libia alla Siria.  L’incontro con  titolo  “Una ragione per vivere e per morire”  ha avuto come tema principale la situazione dei cristiani in Siria dall’inizio della cosi detta primavera araba ad oggi. 

Gian Micalessin ha raccontato la sua iniziale curiosità di capire veramente cosa stava succedendo in Siria con le insurrezioni del 2011,  presentate  in occidente come espressione dei popoli di rovesciare  crudeli dittatori per instaurare  una democrazia  rispettosa dei diritti e delle libertà.   Purtroppo per i siriani e in particolare per i cristiani le cose non erano così.  Dopo le prime manifestazioni  che chiedevano una maggiore libertà al dittatore Assad, seguirono rapidamente da parte dei ribelli , ben prima dell’avvento dell’ISIS,  esecuzioni sommarie e rapimenti di cristiani , accompagnate da profanazioni e distruzioni di chiese. Molti ribelli non erano siriani,  ma mussulmani fondamentalisti provenienti  e sovvenzionati da vari stati arabi. 

“Una ragione per vivere e per morire” è  per tanti cristiani di Siria  la  presa di coscienza di una appartenenza e di una fede in un luogo di martirio , una coscienza che porta alcuni a formare dei corpi di volontari armati per proteggere le loro comunità.  I cristiani siriani sono consapevoli di appartenere ad una minoranza che rischia l’estinzione, ma loro, che appartengono ad una delle più antiche comunità cristiane , sanno di vivere e anche di morire per testimoniare la loro fede.

 L’incontro con Micalessin non è stato  un discorso letto e spiegato, ma  una raccolta di brevi documentari, scene di guerra, interviste a persone,  documentari  raccolti  dal 2012 ad oggi , vissuti direttamente dal giornalista, che ha di volta in volta commentato e spiegato.

E’ stato un incontro particolarmente interessante , inedito, vissuto . Un incontro che sottolinea quanto sia importante approfondire e  andare oltre le notizie preconfezionate.  Un incontro che  avrebbe meritato una maggiore partecipazione . 

 

 

 

Ecco 2 servizi recenti di Micalessin dalla Siria

Da Virus -Rai due del 25/2/2016

da Il Giornale - Gli occhi della guerra: Mattataio Isis 

 

   
© Associazione "La Pieve"