Informazione sull'utilizzo dei cookie per questo sito

L´utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l´esperienza di navigazione sul nostro sito. Se premi il bottone "accetta i cookie" e continui senza cambiare le tue impostazione, accetterai di ricevere i cookies dal sito. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi le nostre Informazioni sui Cookies.

COMACCHIO  E DELTA DEL PO  17/9/2016

 

Siamo partiti con ombrelli, spolverini, golfini, sotto un cielo ancora carico di pioggia,con le pozzanghere sulle strade.

Nel giro di poco tempo il cielo è schiarito,è uscito il sole, abbiamo trovato Comacchio illuminata da una luce vivida e da un azzurro cristallino.

Un buon caffè e via tra viuzze , canali , ponti di cotto di  una cittadina semplice e graziosa, ancora legata alla vita del mare, degli allevamenti, delle saline, del pesce.

Ci siamo imbarcati poi a Gorino  sulla Motonave Principessa , sotto un sole caldo ed un’arietta stuzzicante, godendo di una bella navigazione tra i vari meandri del Po, fino al mare aperto, trovando aironi,garzette,cormorani, gabbiani,…e tanto canneto, un faro e dei casoni, coltivazioni di molluschi e sbarramenti idraulici.

Un ottimo pranzo è servito ad affiatarci ancora di più e condividere oltre al paesaggio anche il piacere della compagnia e della buona tavola.

L’Abbazia di Pomposa ci ha accolti con la bellezza eterna e l’essenzialità delle sue armoniche forme e degli affreschi e mosaici ancora ben conservati e custoditi.

Sulla via del ritorno, prima di una breve sosta a Mesola per ammirare il suo castello e la piazza con ‘barchesse’ che lo circonda, ci siamo fermati per uno shopping di frutta e soprattutto zucche presso una bancarella di ortofrutta ai margini della strada.

Una gita rilassante, dai contenuti culturali di immediata fruizione, organizzata in poco tempo e subito ‘esaurita’, con una decina e più di persone che , rimaste a casa,attendono ‘la replica’.

La bellezza della natura, di cui è ricco il nostro Paese, parla da sola e arriva al cuore di tutti.

Un vivo ringraziamento a voi tutti, per lo spirito ‘giusto’che vi ha animato ed ha permesso che tutto procedesse per il meglio,con grande affiatamento .

Tengo per ultimo un affettuoso ‘grazie ‘ a don Tarcisio, che ci ha accompagnato con interesse,

partecipazione ed una presenza cordiale  e discreta.

Alla prossima il prossimo anno!

   
© Associazione "La Pieve"