Informazione sull'utilizzo dei cookie per questo sito

L´utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l´esperienza di navigazione sul nostro sito. Se premi il bottone "accetta i cookie" e continui senza cambiare le tue impostazione, accetterai di ricevere i cookies dal sito. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi le nostre Informazioni sui Cookies.

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE ‘ LA PIEVE’

Articolo 1

Costituzione

Ai sensi della legge 7 dicembre 2000 n. 383 e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l’Associazione di promozione sociale denominata “Associazione culturale La Pieve “, con sede a Sommacampagna (VR), in Via Sabaina, 19.

L’Associazione ha durata illimitata.

E’ data facoltà al Consiglio Direttivo di modificare la sede legale ove se ne ravvisi la necessità. Il trasferimento della sede legale non comporta alcuna modifica statutaria se avviene all’interno dello stesso Comune.

Articolo 2

Principi fondanti e valori di riferimento

L’Associazione non ha finalità di lucro. Si propone di svolgere attività che promuovano il bene della persona e della collettività, nell’ottica di una educazione permanente che poggia sui principi etici fondamentali dell’umanesimo cristiano, quali:

-      Promozione e valorizzazione della centralità della persona umana;

-      Rispetto e tutela della vita dal concepimento al suo fine naturale;

-      La famiglia naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna come cellula fondamentale della società;

-      La libertà di educazione come diritto\dovere in primis dei genitori, che deve essere garantita dallo stato;

-      La libertà religiosa;

-      Rispetto e salvaguardia dell’identità religiosa e culturale dei popoli e degli stati;

-      La libertà di opinione;

-      La tutela e il rispetto della natura in tutti i suoi aspetti;

-      I valori su cui poggia nel suo insieme la dottrina sociale della Chiesa Cattolica;

-      La conoscenza e la valorizzazione delle risorse culturali ed umane della storia del nostro territorio in tutti gli aspetti, da quello ambientale e naturalistico a quello storico-artistico e dei costumi, per costruire una “memoria storica” per le future generazioni.

È esclusa qualsiasi finalità partitica, sindacale, professionale o di categoria e di tutela degli interessi economici degli associati.

Articolo 3

Le attività dell’Associazione

L'associazione intende promuove attività culturali ed educative sotto varie forme, che abbiano come tema l’approfondimento dei valori fondanti, come, a titolo esemplificativo e non esaustivo:

-      Organizzazione di convegni, incontri, dibattiti, seminari su diverse tematiche culturali;

-      Pubblicazione di documenti, articoli, libri;

-      Organizzazione di visite guidate al patrimonio culturale nazionale ed internazionale, nonché a mostre ed esposizioni di vario interesse.

-      Organizzazione e gestione di mostre e di eventi culturali di vario genere;

-      Organizzazione di corsi di formazione.

-      Eventuale raccolta e acquisizione di documenti e materiali significativi per la conservazione del patrimonio culturale locale.

Conoscenza approfondita delle bellezze naturalistiche del nostro territorio e pubblicazione dei relativi studi scientifici.

Per raggiungere le suddette finalità gli Associati opereranno con spirito di collaborazione e di dialogo costruttivo con tutte le realtà educative, culturali, associazionistiche ed amministrative del nostro paese. In particolare:

-      Collaborazione con le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado e con altri enti a valenza socio-educativa, in modo particolare Parrocchie e ASL;

-      Collaborazione con gli enti ed istituzioni locali, provinciali e regionali, che si dimostrino interessati alle iniziative dell’associazione;

-      Collaborazione con tutti i soggetti privati (banche, persone fisiche, aziende,…) che dimostrino interesse verso la realizzazione di azioni inerenti lo scopo dell’associazione.

 

Articolo 4

Gli organi dell’Associazione

Gli organi dell’Associazione sono:

-      Assemblea dei soci

-      Consiglio Direttivo

-      Presidente

-      Revisore dei conti

Articolo 5

I Soci

Possono far parte dell’Associazione le persone fisiche che ne condividano i principi fondanti ed i valori di riferimento, accettino le norme previste dallo statuto e dal relativo regolamento e abbiano la maggiore età.

I soci si dividono in tre categorie:

-      Soci fondatori: coloro che sono intervenuti alla costituzione dell'Associazione e hanno eletto il primo Consiglio Direttivo; hanno diritto di voto, sono eleggibili alle cariche sociali, sono comunque tenuti al pagamento della quota sociale.

-      Soci effettivi: coloro che hanno chiesto e ottenuto la qualifica di socio dal Consiglio Direttivo. Hanno diritto di voto e sono eleggibili alle cariche sociali. La loro qualità di soci effettivi è subordinata all'iscrizione e al pagamento della quota sociale.

-      Soci sostenitori: soci effettivi che versano una quota sociale almeno doppia di quella fissata.

Il numero dei soci è illimitato.

L’ammissione dei soci effettivi è deliberata dal Consiglio Direttivo, dietro presentazione di domanda scritta accompagnata da una attestazione di adesione allo statuto e al regolamento.

Tutte le attività dei soci e dei componenti del Consiglio Direttivo a favore dell'Associazione e per il raggiungimento dei fini sociali sono svolte esclusivamente a titolo di volontariato e totalmente gratuito, fatto salvo eventuale rimborso spese adeguatamente documentato.

Articolo 6

Cessazione dei Soci

La qualità di socio si perde per recesso, esclusione ovvero per decadenza.

Il socio può recedere in qualsiasi momento dandone comunicazione scritta al Presidente. Il recesso avrà effetto con la chiusura dell’esercizio in corso.

L’esclusione è decisa dal Consiglio Direttivo con delibera motivata nei confronti del socio che abbia dimostrato di non condividere i valori e gli scopi dell’Associazione.

Sono causa di decadenza la morte del socio, l’accertata incapacità di intendere e di volere legalmente dichiarate e il mancato pagamento della quota sociale entro il termine stabilito.

La decadenza opera con effetto dal momento in cui si è realizzato l’evento che la determina.

Le quote ed i contributi associativi sono intrasmissibili, ad eccezione dei trasferimenti per causa di morte, e non sono rimborsabili.

Articolo 7

Assemblea dei soci

L’Assemblea si compone di tutti gli associati in regola con il versamento della quota associativa.

Essa è convocata, almeno una volta all’anno entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale e tutte le volte che sia necessario, dal Presidente, o dalla maggioranza dei consiglieri, o anche su richiesta motivata di almeno un terzo degli associati.

La convocazione viene fatta mediante avviso scritto o via posta elettronica almeno 10 giorni prima della data fissata, con indicazione del luogo, dell’ora e degli argomenti all’ordine del giorno.

In particolare, l’Assemblea delibera sull’approvazione del bilancio e su tutti gli argomenti che alla stessa sono rimessi dal Consiglio Direttivo, nomina il Consiglio Direttivo e il Revisore dei conti.

Hanno diritto di voto i soci iscritti da almeno 3 mesi, per dare modo ai nuovi soci di avere una conoscenza approfondita delle diverse attività dell’Associazione.

E’ presieduta dal Presidente, in mancanza di esso dal vicepresidente, in mancanza di entrambi dal membro più anziano del Consiglio.

La funzione di segretario è svolta da un socio nominato dal Presidente, che nominerà due scrutatori in caso di necessità.

In prima convocazione l’assemblea è validamente costituita con la presenza della metà più uno degli associati; in seconda convocazione è validamente costituita con qualsiasi numero di associati presenti. Ciascun associato ha diritto a un voto. Non è ammesso il voto per delega.

L’Assemblea delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Assemblea straordinaria: viene convocata dal Consiglio Direttivo per particolari motivi, in merito a modifiche statutarie, scioglimento dell’Associazione e nomina dei liquidatori e destinatari del patrimonio sociale.

Per la modifica dello statuto, in prima convocazione, è richiesta la presenza di almeno tre quarti degli associati ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti. In seconda convocazione è richiesta la presenza di almeno i due terzi dei soci, con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

Per lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio è richiesto il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati.

Articolo 8

Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo si compone di un numero di consiglieri stabilito dall’Assemblea tra un minimo di 5 e un massimo di 7, eletti i primi dai soci fondatori tra di loro ed i seguenti dall’Assemblea dei soci. Dura in carica quattro anni ed i suoi membri possono essere rieletti.

In caso di morte o dimissioni di un consigliereil Consiglio provvederà alla sua sostituzione con il primo escluso all’elezione, ove esista; diversamente tramite cooptazione.

La copertura di cariche elettive politiche o amministrative nazionali e locali è causa di ineleggibilità o di decadenza.

Il Consiglio Direttivo può dimettersi quando ciò sia deliberato dai due terzi dei consiglieri.

Qualora, per qualsiasi motivo, venga a mancare la maggioranza dei consiglieri eletti, il Consiglio Direttivo provvederà sulla base di quanto stabilito nel Regolamento. Il Consiglio decaduto o dimissionario è tenuto a convocare l’assemblea, indicendo nuove elezioni entro 30 giorni.

Al Consiglio Direttivo spettano tutti i poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, salvo quanto è riservato alla competenza dell’Assemblea, della legge e del presente statuto.

Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno:

- il Presidente: ha la rappresentanza legale dell’Associazione ed è il responsabile di ogni attività dello stesso. Convoca e presiede il Consiglio e l’Assemblea;

- il Vice-presidente: coadiuva il Presidente e, in caso di impedimento di questi, ne assume le mansioni;

- il Segretario: cura ogni aspetto amministrativo del Circolo; redige i verbali delle sedute del Consiglio e li firma con il Presidente; presiede il Consiglio in assenza del Presidente e del Vice-presidente.

Per quanto riguarda i compiti, le modalità di elezione, di convocazione e di svolgimento delle sedute, ci si riferisce al regolamento.

Il consigliere che ingiustificatamente non si presenta a cinque riunioni consecutive, decade e viene sostituito secondo le modalità precedenti.

Articolo 9

Revisore dei conti

L’Assemblea nomina un Revisore, determinandone la durata della carica sino ad un massimo di tre esercizi, la cui funzione è quella di controllare la correttezza della gestione

in relazione alle norme di legge e dello Statuto. Il Revisore è scelto tra soggetti, anche non soci, aventi idonee capacità professionali in materia contabile e amministrativa, escludendo i componenti del Consiglio Direttivo.

Il revisorepredispone una breve relazione annuale in occasione dell’approvazione del rendiconto consuntivo.

Articolo 10

                                       Comitato Scientifico e Membri Onorari

Il Consiglio Direttivo può istituire un Comitato Scientifico in relazione ai programmi definiti dall’Associazione, eventualmente stabilendo un regolamento che ne definisca le modalità di funzionamento. Il Comitato Scientifico è composto da esperti di chiara competenza nelle materie oggetto dell’Associazione, i quali possono essere associati o soggetti terzi.

Tutti i membri del Comitato Scientifico operano a titolo gratuito e non hanno diritto a remunerazione, fatto salvo eventuale rimborso spese secondo i criteri stabiliti in sede di designazione.

Il Consiglio Direttivo può nominare come Membri Onorari personalità che si sono distinte in campo artistico, scientifico o professionale, o che abbiano contribuito in modo significativo alla vita dell’Associazione. Non rivestono la qualifica di socio.

Articolo 11

Bilancio

L’esercizio sociale coincide con l’anno solare.

Il Consiglio Direttivo redige rendiconto economico-finanziario, conto preventivo e relazione sull’attività svolta nell’esercizio precedente da sottoporre all’Assemblea ordinaria entro il 30 aprile dell’anno successivo alla chiusura dell’esercizio sociale.

I documenti citati si intendono approvati quando ottengono la maggioranza dei voti dei presenti.

Articolo 12

Patrimonio dell’Associazione

Il patrimonio dell’Associazione è costituito da:

-      Patrimonio iniziale proveniente dalle quote dei soci fondatori;

-      Quote associative ed eventuali altri contributi degli associati;

-      Donazioni, erogazioni, lasciti testamentari;

-      Contributi di enti privati e pubblici finalizzati al sostegno di documentate attività dell’Associazione;

-      Proventi delle attività svolte a favore degli Associati e dei terzi.

Il patrimonio dell’Associazione può essere utilizzato esclusivamente per il raggiungimento degli scopi istituzionali.

In caso di recesso, esclusione o morte, i soci o i loro eredi non possono pretendere alcunché dall’Associazione, né hanno diritto alcuno sul Fondo comune dell’Associazione.

Durate la vita dell’Associazione è fatto divieto a chiunque di distribuire, in modo diretto o indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla Legge.

In caso di scioglimento, è fatto obbligo di devolvere il patrimonio dell’Associazione ad altra Associazione con finalità analoghe.

Articolo 13

Scioglimento dell’Associazione

Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea straordinaria che deciderà anche sulla devoluzione del patrimonio residuo.

Articolo 14

Regolamento

Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di redigere un Regolamento contenente tutte quelle norme non previste espressamente dal presente Statuto e ritenute necessarie per il buon funzionamento dell’Associazione. Il testo del Regolamento, e le sue eventuali modifiche, verrà sottoposto per la sua approvazione all’Assemblea dei soci.

Articolo 15

Disposizioni finali

Per tutto ciò che non è espressamente previsto nel presente statuto e nel regolamento si applicano le disposizioni contenute nel codice civile e nelle leggi vigenti in materia.

Letto, approvato e sottoscritto

Sommacampagna, 6/10/2014

I soci fondatori

scarica lo Statuto

 

   
© Associazione "La Pieve"